Fibrillazione Atriale (FA) in giovane età

Anche se problemi cardiaci come la Fibrillazione Atriale sono spesso associati all’invecchiamento, la verità è che questa patologia può colpire le persone in qualsiasi momento della vita, anche in giovane età. Se volete saperne di più, vi invitiamo a leggere questo articolo per capire perché accade e con quali sfide i giovani affetti da AFib si trovano a misurarsi.

Aritmie in giovane età: le cause

I problemi cardiaci sono spesso legati all’invecchiamento. Il rischio di diversi tipi di problemi cardiovascolari, tra cui proprio la fibrillazione atriale, può aumentare man mano che ci si avvicina alla mezza età. Ma mentre la fibrillazione atriale o il rischio di soffrirne aumentano con l’età, questo disturbo cardiaco potrebbe presentarsi in qualsiasi momento della vita.
Sebbene la maggiorparte delle diagnosi di FA riguardano gli ultrasessantenni, un numero sempre crescente di persone giovani – anche adolescenti e ventenni – soffrono di problemi cardiaci. Tale tendenza potrebbe essere in parte legata a migliori strumenti diagnostici e ad una maggiore consapevolezza, ma comunque sia, è importante conoscere le conseguenze e le sfide che una diagnosi di FA significano per un giovane adulto.

5 cause di Fibrillazione Atriale in giovane età

Il fatto che il cuore possa usurarsi nel corso degli anni, conducendo verso malattie coronariche, con livelli di pressione alta e possibili attacchi di cuore: queste sono alcune delle cause più comuni di FA. Possono tuttavia esserci spesso diverse ragioni dietro una diagnosi precoce di FA, ad esempio difetti congeniti, cattive abitudini e altre malattie.
Può essere particolarmente difficile scoprire la causa primaria della fibrillazione atriale nei giovani.

Ecco alcune delle cause più comuni:

1. Stress. Lo stress è uno dei fattori scatenanti che stanno alla base di molte condizioni patologiche. Gli esperti concordano sul fatto che può avere un impatto diretto e grave sull’ FA. Si presenta in diversi modi e in diverse fasi della vita, e per i più giovani, il mix scuola, dinamiche sociali, pianificazione del futuro può
diventare molto stressante.
In che modo lo stress può condurre alla Fibrillazione Atriale? La risposta allo stress si collega al cuore, che trasmette segnali elettrici e alimenta i sintomi dell’FA in coloro che ne sono soggetti. Sia lo stress mentale che quello fisico possono portare a questa risposta e, in entrambi i casi, si può avere bisogno di un trattamento personale e dell’assunzione di farmaci per risolvere il problema.

2. Carenza di sali minerali. Un buon equilibrio di sali minerali, vitamine, acqua e calorie aiuta il corpo a funzionare bene. Purtroppo, può accadere di non fare attenzione ai livelli di magnesio, calcio, potassio e idratazione e queste carenze possono preparare il terreno per l’FA.
Non è giusto etichettare i giovani come mangiatori disattenti, molti di loro consumano infatti una dieta sana ed equilibrata per preservare la salute fisica e mentale. Molti altri giovani, però, seguono una dieta alimentare elaborata, solitamente carente di molti elementi nutrizionali importanti.

3. Infezioni. La pericardite, un’infezione che può svilupparsi intorno alla membrana del cuore, potrebbe portare alla fibrillazione atriale, ma anche altre infezioni batteriche che non colpiscono direttamente il cuore. Diversi esperti hanno scoperto che il livello di proteina C-reattiva, un importante marcatore
dell’infiammazione, è più alto nelle persone affette da FA.
Anche una semplice infezione o una malattia dei denti potrebbero causare problemi. Le malattie gengivali aumentano notoriamente il rischio di alcune malattie cardiovascolari, uno studio recente ha evidenziato un legame tra la salute parodontale e la fibrillazione atriale. Gli esperti suggeriscono una pulizia dentale regolare per controllare eventuali infiammazioni e per mitigare il rischio di problemi di aritmia.

4. Abuso di farmaci. Che siano droghe illecite o farmaci comunemente prescritti, l’abuso di sostanze può scatenare l’FA, in presenza o meno di un disturbo cardiaco preesistente. I cosiddetti stimolanti, come nicotina, alcol e caffeina, sono tra i più comuni e spesso imputabili di colpe. I medici confermano inoltre che l’uso di oppioidi può portare ad un’irregolarità del ritmo cardiaco, cosa che potrebbe avere delle conseguenze pericolose, poiché un numero sempre maggiore di adolescenti e di giovani fa un uso improprio degli oppioidi prescritti.

5. Comorbilità. I difetti congeniti possono far sì che l’FA si manifesti più precocemente nel corso della vita, come altri disturbi metabolici, ad esempio il diabete. Anche l’ipertensione, l’ipertiroidismo e l’embolia polmonare potrebbero essere alla base del problema. Per i giovani che sospettano o che sanno di soffrire di fibrillazione atriale, è importante collaborare con il proprio medico per eseguire un esame approfondito della propria anamnesi e della propria salute fisica, per scoprire altre possibili malattie che potrebbero complicare la situazione.

 

Conoscere la Fibrillazione Atriale Primitiva

Se la fibrillazione atriale si sviluppa prima dei 60 anni e senza alcuna condizione correlata, si parla di fibrillazione atriale primitiva (o isolata). In alcuni casi è associata ad un disturbo della tiroide, ad infezioni virali o all’uso di stimolanti, oppure può essere ricondotta all’anamnesi familiare. Tuttavia in molti altri casi
semplicemente non c’è una spiegazione chiara per l’FA primitiva ad insorgenza precoce.
Il medico potrebbe voler escludere fattori come l’esercizio fisico estremo e l’apnea del sonno, a volte infatti questi non vengono presi in considerazione all’inizio dell’anamnesi. Ma anche grazie al progresso della tecnologia diagnostica, si sa poco sul perché si verifica l’FA solitaria. Fortunatamente per alcuni, un
ciclo di farmaci può eliminare i sintomi dell’FA; per altri pazienti, però, i sintomi potrebbero tornare, a volte in modo permanente.
Per chiunque abbia meno di 60 anni e soffra di sintomi di FA come palpitazioni, respiro affannoso o vertigini si consiglia di consultare un medico. Si può essere tentati di ignorare il disagio, specie se è lieve e non si soffre di altri problemi di salute, ma prima si comincia il trattamento per l’FA, migliori saranno le
possibilità di evitare che la situazione peggiori.